Contattaci

INCONTRO NABA 2022

INCONTRO: LA FAMIGLIA LARDANI, 60 ANNI DI TRAILER. STORIA DELL’EVOLUZIONE CREATIVA  NEL TRAILER.

A cura di Sara Manini Lardani

La famiglia Lardani, 60 anni di trailers. Storia dell’evoluzione creativa nel trailer: dal “prossimamente” passando alla “presentazione cinematografica” fino al “teaser trailer”. Dall’artigiano al producer, da il trailer de “Il buono, il brutto e il cattivo” a “La vita è bella” a “Il Silenzio grande” un incontro per conoscere una famiglia che da tre generazioni realizzano trailers cinematografici.

Venerdì 28 ottobre | NABA – NUOVA ACCADEMIA DI BELLE ARTI
Ore 14.00/16.00 Incontro La famiglia Lardani, 60 anni di trailers. Storia dell’evoluzione creativa nel trailer. A cura di Sara Manini Lardani

Iginio  Lardani (detto Gigì) nasce nel 1924 a Fermo e muore a Roma nel 1986. Nel 1951 dopo il matrimonio decide di trasferirsi a Roma in cerca di lavoro. Inizia la sua carriera come scenografo, poi come pittore e lavora con Brini e Cesselon (il manifesto di Mezzogiorno di fuoco porta la sua firma) prima di mettersi in proprio. Il suo primo trailer è Il Giudizio Universale. Nella sua carriera ha realizzato sigle tv, pubblicità, promo politici, trailer e titoli di testa. Alcuni suoi lavori: A tu per tu, Arrivano i bersaglieri di L. Magni, Bianco rosso e verdone, Bim bum bam di A. Chiesa, Blood Link di A. de Martino, Blues metropolitano, Brutti, sporchi e cattivi di E. Scola, C’eravamo tanto amati, Cadaveri eccellenti, E la nave va, Ginger e fred, Giù la testa, I clowns, Il buono, il brutto, il cattivo, Il giorno della civetta, Il giudizio universale, Il marchese del grillo, Il mondo nuovo, La chiave, La cicala di Lattuada, La tragedia di un uomo ridicolo di B. Bertolucci, Medea di P.Pasolini, Nell’anno del signore, Per un pugno di dollari, Piedone ad Hong Kong, Roma di F.Fellini, Sandokan (sigla tv) 6 episodi, Un sacco bello, Una giornata particolare, Yuppi du. 

Alberto Lardani firmò il suo primo trailer nel 1986 per La famiglia di Ettore Scola. Curiosa coincidenza, visto che quella di Alberto era una vera e propria famiglia di traileristi. A fianco del padre Iginio “Gigi” Lardani, Alberto aveva mosso i primi passi dieci anni prima di quel 1986 imparando i segreti di un mestiere che è anzitutto sapienza artigianale. Alberto stesso, tempo dopo, ancora per dieci anni sarà affiancato dalla nipote Sara, che tuttora porta avanti l’attività della famiglia. Dei tanti, tantissimi trailers, più di 322 ricordiamo La famiglia di Ettore Scola (1986), Good morning Babilonia di Paolo e Vittorio Taviani (1987), Mediterraneo di Gabriele Salvatores (1990), Le fate ignoranti di Ferzan Ozpetek (2001), Le conseguenze dell’amore di Paolo Sorrentino (2004), Romanzo criminale di Michele Placido (2004), La sconosciuta di Giuseppe Tornatore (2006), Io e Marilyn di Leoardo Pieraccioni (2009), La nostra vita di Daniele Luchetti (2010). Una vita per i trailers quella della famiglia Lardani che da tre generazioni portano gli spettatori al cinema.

Sara Manini Lardani, trailerista (trailer maker), nasce a Roma nel 1974, cresce in un ambiente creativo, la sua famiglia realizza trailer dal 1960. Dal 2010 si mette in proprio realizzando ad oggi più di 200 trailers. Ha lavorato per molti registi italiani tra cui Giuseppe Tornatore, Matteo Garrone, Silvio Soldini, Laura Bispuri, Federico Moccia, Carlo Vanzina, Marco Tullio Giordana, Cristina Comencini, Alice Rohrwacher, Ivano De Matteo, Silvio Soldini e per importanti società di Distribuzione italiane ed estere.

L’incontro è aperto a tutti e si terrà in aula Aula S 0.1, NABA, Via Darwin 20, Milano dalle 14.00. Per partecipare occorre inviare un’email a segreteria@trailersfilmfest.com

 

Copyright © 2022 Trailers FilmFest. ASSOCIAZIONE CULTURALE SEVEN P.I./C.F. 07386211002